• Eros Tetti
  • Eros Tetti

    candidato indipendente in Europa Verde
    Nelle circoscrizioni di Lucca, Firenze 1 e Grosseto.

    Eros Tetti candidato Europa Verde Toscana
Cave
Salviamo le Alpi Apuane

Salviamo le Alpi Apuane

Geotermia industriale
Amiata motagna sacra

Amiata motagna sacra

Monte Amiata verso il parco Nazionale - montagna Sacra degli etruschi.
Mobilità
Una Nuova Mobilità per la Toscana

Una Nuova Mobilità per la Toscana

Parto subito dicendoti che sono profondamente contrario alla nuova pista per l'aeroporto...
Inquinamento
Emissioni zero entro il 2030

Emissioni zero entro il 2030

Darò voce alle migliaia di giovani scesi per le strade toscane chiedendo la dichiarazione...
Rifiuti Zero
Economia Circolare

Economia Circolare

Porterò in consiglio regionale la proposta Zero Waste spingendo il più possibile...
Alberi
Proteggiamo boschi e pinete

Proteggiamo boschi e pinete

Proteggiamo i boschi e le pinete della Toscana, anzi facciamo di più e meglio andiamo...
  • Salviamo le Alpi Apuane
  • Amiata motagna sacra
  • Una Nuova Mobilità per la Toscana
  • Emissioni zero entro il 2030
  • Economia Circolare
  • Proteggiamo boschi e pinete
  • Salviamo le Alpi Apuane

    Salviamo le Alpi Apuane

    Eros Tetti è il fondatore del movimento Salviamo le Apuane che dal 2009 lotta contro la devastazione di questa fragile catena montuosa. E' stato definito "Il più grande disastro ambientale d'Europa" le Alpi Apuane sono sotto duro attacco da parte della monocultura del marmo e del carbonato di calcio, proponiamo una chiusura progressiva delle cave a fronte di un progetto di riconversione economica. A questo link puoi leggere il PIPSEA elaborato dal gruppo Salviamo le Apuane Piano Programma di sviluppo alternativo per le Alpi Apuane http://www.salviamoleapuane.org/pdf/pipsea2014.pdf Questo patrimonio, per la riconosciuta eccezionalità, deve essere considerato indisponibile e deve essere trasmesso alle generazioni future non depredato e non degradato, in una prospettiva di attività economiche non effimere né distruttive. Se opportunamente gestito può dare luogo a un'economia integrata con quella marmifera - quest'ultima ricondotta alla sola estrazione di blocchi di marmo - attraverso la valorizzazione dell'ecoturismo, delle risorse boschive, di un'agricoltura di qualità, dei prodotti agricoli locali, attività tutte che potrebbe utilmente affiancarsi e integrarsi con quella balneare.

    Approfondisci >>>

  • Amiata motagna sacra

    Monte Amiata verso il parco Nazionale - montagna Sacra degli etruschi.

    Amiata Parco Nazionale

    Vogliamo che il Monte Amiata venga riconosciuto come area da preservare e da tutelare sia per quanto riguarda il bacino idrico, il più importante dell’Italia centrale e ritenuto strategico in quanto area di ricarica delle falde, che le acque termali. Questo potrà essere ottenuto tramite la creazione del Parco Nazionale del Monte Amiata. In questo contesto, siamo contrari all’installazione di una nuova centrale geotermica sul Monte Amiata, sia a media che ad alta entalpia. In generale, sosteniamo un disegno politico per cui i territori e i cittadini siano realmente protagonisti delle scelte per il proprio territorio. Queste scelte, come l’installazione di nuove centrali geotermiche davvero sostenibili, dovrebbero essere subordinate a un percorso partecipato tra amministrazione regionale, amministrazioni locali e cittadinanza residente sul territorio, nonché a un monitoraggio costante e ad un eventuale efficientamento dell’esistente, che garantisca la tutela effettiva della qualità dell’aria, delle acque e del paesaggio.

    Approfondisci >>>

  • Una Nuova Mobilità per la Toscana

    Parto subito dicendoti che sono profondamente contrario alla nuova pista per l'aeroporto di Firenze e, a differenza di tanti, non ti dirò solamente potenziamo Pisa. Ma porterò sul tavolo della regione Toscana un nuovo piano per la mobilità!

    Verso un innovativo sistema di Tramvie

    Un progetto di due importanti ingegneri Michele Urbano e Carla Romani con cui ho l'onore di collaborare. Un progetto che per la sua realizzazione creerebbe tanti posti di lavoro, rilancerebbe i territori, mettendoli in forte connessione. Un progetto concreto che potrebbe risolvere per sempre l'annoso problema della nuova pista aeroportuale di Firenze.

    Approfondisci >>>

  • Emissioni zero entro il 2030

    Darò voce alle migliaia di giovani scesi per le strade toscane chiedendo la dichiarazione di emergenza climatica da parte della Regione Toscana, lavoreremo duro in questa direzione e senza sconti per nessuno!

    Toscana Emissioni ZERO nel 2030

    Al fine di contenere le pericolose conseguenze dell’emergenza climatica e di tutelare la salute e i diritti fondamentali della cittadinanza toscana, si impone la necessità di azzerare le emissioni nette di CO2 e di altri gas climalteranti il più rapidamente possibile. Azzerare le emissioni riconducibili al territorio della regione Toscana è possibile aggredendo il problema da più fronti, scommettendo su soluzioni innovative, ripensando dalle basi il modello economico-produttivo e le modalità di approvvigionamento energetico (totale utilizzo di fonti rinnovabili, con impianti distribuiti sul territorio, vicine alle singole comunità, e non accentrate in grandi centrali).

    Approfondisci >>>

  • Economia Circolare

    Porterò in consiglio regionale la proposta Zero Waste spingendo il più possibile a creare una commisione che sappia gestire in modo efficace l'annosa questione dei rifiuti anche puntando a leggi che evitino sin dalla radice la loro produzione.
  • Proteggiamo boschi e pinete

    Proteggiamo i boschi e le pinete della Toscana, anzi facciamo di più e meglio andiamo verso una nuova dimensione riforestiamo anche le città. Oggi i cambiamenti climatici e l'inquinamento ci impongono di fare politiche in questa direzione.

    Partiamo dalla prevenzione degli incendi

    Approfondisci >>>

  • Salviamo le Alpi Apuane
  • Amiata motagna sacra
  • Una Nuova Mobilità per la Toscana
  • Emissioni zero entro il 2030
  • Economia Circolare
  • Proteggiamo boschi e pinete

Programma Europa Verde Toscana

  • Una premessa semplice e doverosa ad un Programma ambizioso e innovativo. Europa Verde Toscana presenta un Paradigma nuovo che vede lo sviluppo economico e lavorativo, armonicamente connessi con l’ambiente e il paesaggio, non più in conflitto con esso. Il lavoro e l’economia divengono strumenti utili anche a tutelare, controllare e proteggere l’ambiente. Quest’ultima azione diventa strumento di attività anche economica. Al fine di una necessaria crescita culturale e sociale per la Toscana, facendo del suo Buon Vivere un modello per l’Italia e per l’Europa.

    Scarica il programma in PDF

demo

demo

Eros Tetti


Fondatore del movimento Salviamo le Apuane già presidente della ReTe dei comitati per la difesa del territorio, dirigente della Cooperativa Sociale Odissea e dell' Impresa Sociale Terra di Tutti per l'accoglienza rifugiati e la creazione di economie locali. Si occupa di cooprogettazione e sviluppo locale è educatore socio pedagogico e mediatore linguistico culturale.

Nasce nel 1977

  • nel 1994 partecipa alla raccolta firem dei radicali per la liberazione del Tibet
  • dal 1995 entra far parte del movimento umanista e collabora con il Centro delle Culture per una Nazione umana universale colaborando con progetti di cooperazione internazionale con il Sud America
  • dal 1996 è tra i fondatori del CUEA (centro umanista di espressione artistica) scrivendo e recitando opere teatrali su temi sociali
  • nel 1998 partecipa alla raccolta firme per una proposta di legge popolare "Legge di responsabilità politica" per dare ai cittadini la possibilità di licenziare i politici che non rispettavano le promesse elettorali
  • dal 1999 si traferisce in Inghilterra dove lavora in un centro per malati di Sclerosi multipla e studia comunicazione online e web marketing
  • nel 2005 rientra in italia e avvia la campagna "Artisti per la Nonviolenza" per promuovere una cultura dell'azione nonviolenta
  • dal 2009 fonda il movimento "Salviamo le Apuane" per la difesa delle Alpi Apuane dall' escavazione
  • Dal 2010 Entra nella ReTe dei comitati per difesa del territorio fondata da Alberto Asor Rosa
  • nel 2013 collabora con Polly Higgins per la raccolta firme europea "Endecocide" per riconoscere la distruzione di ecosistemi come un crimine
  • nel 2014 con il movimento Salviamo le Apuane vince il premio "I Luoghi del Cuore" promosso dal FAI per il Pizzo D' Uccello montagna simbolo delle Apuane

    nel 2015 organizza una grande mobilitazione con la manifestazione finale a Firenze in difesa del Piano Paesaggistico Toscano che un maximendamento stava per cancellare. Presenta in Regione 103.000 firme in difesa del Pit.
  • nel 2015 lancia la proposta di costruzione del Coordinamento Apuano che riunisce tutte le associazioni ambientaliste della territorio apuano. Viene intervistato dal Newsweek.
  • nel 2016 organizza col Coordinamento gli Stati Generali delle Apuane che lancia il Manifesto delle Alpi Apuane.
  • nel 2017 firma un Maxiesposto con tutti i segretari nazionali delle associazioni ambientaliste italiane.
  • nel 2018 grazie ad una petizione di quasi 10.000 firme riesce a far chiudere dal Parco delle Alpi Apuane le cave del Pizzo D' Uccello (riaperte poi dal TAR toscano)
  • Anno 2018 Diventa presidente della ReTe dei comitati per difesa del territorio
  • Nel 2019 organizza la manifestazione "Salviamo il Procinto" contro l'apertura di nuove cave alla base della montagna e alcune vengono cancellate e ridotte le aree di escavazione
  • Nel 2020 fonda la campagna "IO COMPRO TOSCANO" su facebook raccogliendo quasi 70.000 iscrizioni per la salvaguardia delle economie locali

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk