Toscana

Scuola, Tetti (Europa Verde): Comuni si attivino per adozione piano orari che scongiuri caos TPL

Lotta con noi condividi!

Non si può scaricare sulle spalle delle famiglie e dei dirigenti il rebus dei trasporti scolastici. Tanto più che hanno a disposizione uno strumento normativo, spesso disatteso:  il Piano degli orari, che,  come recita l’ art. 16 disciplina Piano PIT ( LRT 38/1998, L. 53/2000) sarebbe  obbligatorio per i Comuni con oltre 50.000 abitanti. 

“Sarebbe una beffa se dopo aver chiuso le scuole per sei mesi, ed aver avuto tutto il tempo necessario per elaborare strategie efficaci, a settembre agli studenti pendolari non fosse assicurata la possibilità  possibilità di utilizzare il TPL per raggiungere il proprio istituto”. Lo dichiara Eros Tetti, candidato al Consiglio Regionale della Toscana  per la lista Verdi Europa.

“La questione era nota sin dalla fine del precedente anno scolastico, ma si è preferito traccheggiare e discutere dei saluti di fine anno nei prati invece di programmare adeguatamente  il rientro a scuola” aggiunge Tetti.

Che sottolinea: “ I Comuni non possono scaricare sulle spalle delle famiglie e dei dirigenti il rebus dei trasporti scolastici. Tanto più che hanno a disposizione uno strumento normativo, spesso disatteso:  il Piano degli orari, che,  come recita l’ art. 16 disciplina Piano PIT ( LRT 38/1998, L. 53/2000) sarebbe  obbligatorio per i Comuni con oltre 50.000 abitanti”.

Lotta con noi condividi!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk